Kwizera
Home
Scrivici
 
 
Bookmark and Share
 
 
News
20/12/2012 11:35
Auguri

Care amiche e cari amici,

a conclusione dell’anno 2012, l'undicesimo della nostra attività associativa, ai tradizionali auguri per un nuovo anno si accompagna inevitabile uno sguardo sul passato. Lo facciamo con un breve riassunto delle puntate precedenti, cioè di quanto fatto in questi anni, grazie alla vostra vicinanza e al vostro fattivo appoggio. Una breve ma intensa storia che ci consente di guardare con fiducia al futuro con lo spirito che ci ha fin qui animati, sapendo di poter sempre fare affidamento sulla vostra amicizia. Con questi sentimenti Vi giungano i nostri migliori auguri di un sereno Santo Natale e un felice anno nuovo.

Care amiche e cari amici,

a conclusione dell’anno 2012, l'undicesimo della nostra attività associativa, ai tradizionali auguri per un nuovo anno si accompagna inevitabile uno sguardo sul passato. Lo facciamo con un breve riassunto delle puntate precedenti, cioè di quanto fatto in questi anni, grazie alla vostra vicinanza e al vostro fattivo appoggio. Una breve ma intensa storia che ci consente di guardare con fiducia al futuro con lo spirito che ci ha fin qui animati, sapendo di poter sempre fare affidamento sulla vostra amicizia. Con questi sentimenti Vi giungano i nostri migliori auguri di un sereno Santo Natale e un felice anno nuovo.

******

Dieci anni per costruire in Rwanda

il Villaggio della Speranza-Kwizera

Ecco una sintesi della decennale attività d’impegno e di realizzazioni dell’Associazione Kwizera. Mettendo in fila quanto fatto in questi anni, grazie all’impegno dei volontari, il sostegno dei benefattori e la continua vicinanza dei tanti amici, si fa una scoperta per certi versi sorprendente. Raggruppando in un unico luogo tutte le realizzazioni portate a termine in questi anni l’Associazione avrebbe dato vita a una piccola città o, se preferite, a un grande villaggio. Ecco, forse, è meglio parlare di villaggio, il Villaggio Kwizera, il Villaggio della speranza. All’inizio ci sono state due fattorie: la prima a Cyeza e poi quella edificata sulla collina di Nyinawimana, dopo averne terrazzato diversi ettari. Proprio su questa collina potremmo raggruppare tutte le varie strutture che vanno a comporre il nostro Villaggio. Per cominciare, senza necessariamente rispettare la sequenza cronologica delle varie realizzazioni, vi troverebbero collocazione le 47 casette unifamiliari, edificate per dare un tetto ad altrettante famiglie, che sono andate a formare il villaggio della comunità batwa di Kibali. L’acquedotto e la linea elettrica realizzate a Kiruri garantirebbero l’immediata vivibilità delle casette. Appena preso possesso delle nuove case, bisogna pensare ai bambini: ecco allora pronto un asilo, quello di Kagera, e due edifici scolastici realizzati rispettivamente a Kibali e a Kiruri. In linea con i principi ispiratori dell’impegno associativo non poteva mancare una presenza cristiana all’interno della comunità, per questo si è pensato a tutto quanto serve a una comunità parrocchiale; per cominciare la Chiesa come quella di Bugarama, la canonica e la sala della comunità come quelle della parrocchia di Mutete, per finire con un vero e proprio centro parrocchiale come quello di Nyagahanga, con il suo oratorio, il campo di basket e le aule di formazione. Laboratori come quelli realizzati a Bungwe e ancora a Nyagahanga completano la dotazione del nostro Villaggio Kwizera. Senza dimenticare che la comunità di villaggio è fatta di famiglie e di bambini si è cercato di dare una risposta ai loro bisogni con il Progetto adozioni che, attraverso il sostegno a oltre 300 bambini, ha portato un vero aiuto ad altrettante famiglie e il Progetto Mikan che coinvolgendo oltre 1000 famiglie ha dato loro, attraverso il dono di una semplice capretta, un segno di vicinanza e di speranza. Ad essere pignoli al Villaggio Kwizera manca un presidio sanitario; in effetti in questi anni pur avendo fornito assistenza al centro sanitario di Bungwe, con aiuti in medicinali, l’associazione non ha avuto modo dare vita a una struttura sanitaria. Ecco una sfida per il futuro!

 
Ultime news
 




 
 
c/c postale | c/c Valtellina | privacy policy | note legali